Core 'ngrato

(Cardillo-Cordiferro)

Sicuramente scritta per una voce come quella di E.Caruso, questa canzone e' stata cantata da tutti i piu' grandi cantanti lirici (ci sono versioni di Tito Schipa e Jose' Carreras). Ma nessuno ha raggiunto, e mai raggiungera', la perfezione e l'eleganza di Caruso che aveva, per questa canzone, un vero amore. La cantava sempre ed ovunque. Fu scritta quasi per gioco da Alessandro Sisca (vero nome di Cordiferro), figlio di napoletani, che viveva a New York. Per lo stesso motivo Cardillo la musico'. Nasceva così, forse, l'unica canzone napoletana che da New York venne a Napoli per il suo grande successo. Unica nota stonata era l'avversione che il suo autore Cardillo aveva. La definiva "porcheriola". Quasi un errore fatto, per lui che scriveva grandi opere.

Catarì, Catarì,
pecche' me dice sti parole amare?
pecche' me parle, e 'o core me turmiente,
Catarì?
Nun te scurda' ca t'aggio dato 'o core,
Catarì, nun te scurda'!
Catarì, Catarì,
che vene a dicere
stu parla' ca me da spaseme?
Tu nun ce pienze a stu dulore mio
tu nun ce pienze, tu nun te ne cure.
Core, core 'ngrato,
t'haie pigliato 'a vita mia,
tutt'e' passato
e nun ce pienze cchiu'!

Catarì, Catarì
tu nun o saie ca 'nfino int''a na chiesa
io so' trasuto e aggio priato a Dio,
Catarì
e ll'aggio ditto pure a 'o cunfessore
I' sto' a suffrì pe chella lla'!
Sto a suffrì, sto a suffrì
nun se po credere
sto' a suffrì tutte li strazie
e 'o cunfessore ch'e' persona santa
m'ha ditto: figlio mio, lassala sta', lassala sta'!
Core, core 'ngrato
t'hai pigliato a vita mia.....